Come scegliere un’Auto (nuova e usata): Consigli per l’Acquisto

Quali sono i fattori che prendiamo in considerazione di fronte alla scelta di un’auto? Vediamoli di seguito:
affezione alla marca, esterofilia, consiglio di amici, nazionalismo, stampa specializzata, riviste di settore. Un’indagine ha appurato che nella maggior parte dei casi si compra un’auto senza esserci mai saliti sopra, tenendo solo conto della linea, la marca, il colore e l’insieme.

Prima di decidere quale auto comprare occorre considerare i seguenti fattori:
– comfort e facilità d’uso dello spazio interno, del bagagliaio, dell’apertura delle portiere
– sensazione di comodità e comfort al volante per il guidatore                                                             – livello di rumorosità interna                                                                                                                   – efficienza del riscaldamento e condizionamento
– consumi effettivi (non quelli dichiarati sul libretto)                                                                                – scadenze e costi dei tagliandi
– efficienza degli antifurti e facilità di apertura delle portiere da parte di estranei
– livello di inquinamento delle emissioni del motore
– sicurezza per i passeggeri in caso di incidente

Il sedile del guidatore poi dovrebbe essere allungabile e allargabile.

Quali sono le caratteristiche fondamentali da considerare per valutare la qualità di un’auto prima di acquistarla?
Il volante: la forma, l’inclinazione, la durezza del materiale, l’imbottitura devono offrire una sufficiente protezione da urti al torace e al viso in caso di collisione.
Il poggiatesta: spesso causa di ferite e in caso di urto non riparano. Troppo deboli, bassi e duri. Anche quelli posteriori.
Cinture e schienali: quelli dei sedili posteriori in caso di urto possono creare complicazioni per mancanza di tenuta.
Punti di fissaggio: quelli delle cinture di sicurezza devono essere solidi e con doppi accorgimenti per ancoraggi supplementari.
Piantone dello sterzo e ripari per le gambe: le cause di morte negli incidenti sono collegate alla rigidità e alla resistenza dell’auto nei fianchi e sul tetto in caso di ribaltamento.
Portiere: evitare l’apertura accidentale con servo meccanismi o doppie sicurezze.
Parti elettriche: non sempre sono isolate e batterie, cavi possono accidentalmente causare cortocircuiti.

Per l’acquisto di un auto nuova o usata occorre considerare anche con maggiore attenzione il tasso di inquinamento del motore. Per sapere qual è il livello di inquinamento dell’automobile si deve controllare la sigla sulla carta di circolazione. Le carte di circolazione riportano gli estremi delle direttive riguardanti le emissioni dal 1996.
Le carte di circolazione stampate sul modello unificato europeo recano indicata la sigla della direttiva secondo la quale è stato omologato il veicolo per quanto riguarda le emissioni
inquinanti.

Prima di acquistare un auto conviene provarla. Nel fare ciò si sarà pervasi da alcune sensazioni che daranno modo di capire se è l’auto giusta per noi. Poi successivamente occorre valutare: la posizione di guida e la comodità del sedile; la facilità di impugnare e girare il volante, la presa sul materiale con cui è fatto o rivestito, la sua inclinazione, la centratura, la forma e la distanza del volante, delle levette e dei comandi principali, la loro raggiungibilità senza muovere le spalle o torcere il busto e la testa; l’angolo di inclinazione dei tre pedali, la difficoltà a sollevare la gamba o il piede per azionarle, lo spazio per appoggiare il piede sinistro a riposo.

Tenere anche sotto controllo l’usura media di alcuni componenti, così da sapere quanto intervenire per preservare la propria sicurezza in auto e quella di chi è con noi

Ammortizzatori posteriori – 67mila km
dischi o tamburi dei freni posteriori – 57mila km
scappamento – 51mila km
pneumatici posteriori – 56mila km
batteria – 58mila km
ammortizatori anteriori – 65mila km
dischi dei freni anteriori – 57mila km
frizione – 59mila km
pneumatici anteriori – 49mila km

 

Considerazioni da fare quando si ha intenzione di scegliere un’auto usata.

L’automobilista in genere è diffidente e ricorre all’auto usata solo per una convenienza economica. La sfiducia verso l’usato è alimentata anche da alcuni pregiudizi:
– le auto di seconda mano sono considerate poco sicure e sfruttate oltre misura
– le auto usate hanno ricevuto poca manutenzione
– le riviste di settore enfatizzano sulla voce “valore al momento della rivendita” (molto basso) come se fosse una voce essenziale per calcolare la convenienza dell’acquisto

Un auto di seconda mano si può lasciare sotto casa o per strada con minore sofferenza e si potrà risparmiare anche sull’assicurazione per furto e incendio.
Considerare però i costi che lievitano come la tassa di circolazione, la polizza di assicurazione, il costo dei ricambi e delle riparazioni di carrozzeria.

Il mercato dell’auto usato è in crescita rispetto al nuovo ma, il cliente si chiede sempre se conviene acquistare un auto da un privato o una concessionaria?
Se acquisti dal concessionario hai una garanzia di 12 mesi sulle parti meccaniche. Mentre per l’acquisto da un privato vige la regola del “visto e piaciuto”, quindi dopo l’acquisto non è possibile intervenire nel caso di alterazioni presenti alla macchina, quindi in parole povere le garanzie sono nulle.
Quali sono i segnali per capire se un’auto usata è un affare?
Occorre guardare ad esempio l’usura del pomello, del volante, lo stato degli specchietti, se c’è un tappetino nuovo ad esempio dal lato del guidatore, sollevarlo per vederne lo stato di usura presente sotto. Verificare anche se il sedile è consumato, lo si vede bene ad occhio nudo. Puoi controllare anche l’usura dei pneumatici e addirittura la data della ruota riportata sulla stessa, così da capire quando tempo fa sono state sostituite.
Verificare la giuntura delle guarnizioni, constatando che non ci siano tracce di vernice che sta a testimoniare il fatto che l’auto è stata riverniciata.
Far controllare l’auto anche sotto da un meccanico fidato così da capire se ci sono perdite di olio, a testimonianza del fatto che è usurata abbastanza.
Il contachilometri poi può essere manomesso sulla centralina in modo tale da impossibilitare qualsiasi ulteriore controllo sul vero chilometraggio dell’auto. Per verificare in tal caso il reale chilometraggio dell’auto si può verificare dai tagliandi eseguiti.

Fare attenzione alle truffe online. Cercare venditori presenti sul territorio, non essere precipitosi nell’acquisto, prendersi del tempo per verificare la tracciabilità della targa tramite le agenzie preposte, ed evitare il pagamento in contanti ma usare strumenti tracciabili. L’unico vero affare nell’acquisto di auto da un privato è comprarla ad un prezzo giusto.

Sommario
Come scegliere un'Auto (nuova e usata): Consigli per l'Acquisto
Titolo Articolo
Come scegliere un'Auto (nuova e usata): Consigli per l'Acquisto
Descrizione
Un'indagine ha appurato che nella maggior parte dei casi si compra un'auto senza esserci mai saliti sopra, tenendo solo conto della linea, la marca, il colore e l'insieme.
Autore
Nome Autore
ConsigliDalWeb
Logo Autore