La tua Faccia Parla di Te

 

Cosa dice di noi il nostro Viso

La scienza è riuscita a spiegare quali sono alcuni degli stereotipi associati ai lineamenti del viso di ognuno di noi così da offrire uno strumento e delle ipotesi su cosa possa comunicare una nostra espressione. Ovviamente c’è da ritenere che non sempre è tutto così chiaro e lineare.

Vediamo diversi volti ogni giorno (persone sorridenti, cupe, stanche, pensierose, divertite, nervose) e associamo spesso un’idea in base alla prima impressione che riceviamo.
Infatti le caratteristiche del viso delineano in chi l’osserva una percezione del tipo di persona che abbiamo difronte, ancor prima di conoscerla e in quello stesso istante ci si fa un’idea riguardo l’affidabilità, i difetti, pregi che secondo noi possa avere. Subiamo una certa influenza dai volti che guardiamo anche inconsapevolmente.

 

Vediamo alcuni esempi

Le persone belle, attraenti, affascinanti (che hanno un viso simmetrico e regolare) sono viste come simpatiche, affidabili, intelligenti. Le immaginiamo in ottima salute, sempre giovani, con grandi doti comunicative e quindi maggiormente avvantaggiate nella ricerca di un partner.

Un viso sempre giovane (quasi da bambino) è quello di una persona dagli occhi grandi, viso rotondo e mento piccolo. Questo tipo di viso comunica innocenza, sincerità, gentilezza, ingenuità e lo si reputa meno competente in generale per le cose di tutti i giorni. Questo è il tipico volto delle donne, che per l’appunto devono sempre dimostrare (contro gli stereotipi comuni) che non sono per forza poco competenti ed inaffidabili, anche quando dimostrano meno anni di quelli che hanno in realtà.

Una “pelle scura” è indice di una maggiore mascolinità dei volti e quindi la “competenza percepita” in questi volti va crescendo, da sinistra verso destra. Lo stesso dicasi per volti più influenti che manifestano una capacità di esercitare il proprio ascendente sugli altri.

Le persone con volti più larghi, sguardo vispo e sopracciglia curve sono percepite come più estroverse.

Chi piace è colui/colei che ha un volto attrattivo e predisposto al sorriso.

Il viso che infonde fiducia invece è quello che rispecchia i canoni femminili di sopracciglia fini, naso sottile e occhi grandi.

Un viso arrabbiato è percepito come pericoloso.

C’è da dire che uno stesso volto, opportunamente modificato, può comunicare maggiore o minore disponibilità, consapevolezza, apertura mentale, estroversione o nervosismo.

Se consideriamo i volti di chi si presta al voto possiamo affermare che le caratteristiche del viso contribuiscono a determinare l’affidabilità o meno di un candidato e a influenzare le decisioni su chi votare. Ne risulta che una faccia adulta, matura e scaltra è associata a candidati determinati e competenti.

In base ad alcuni studi scientifici è emerso che giudichiamo meglio i volti che somigliano al nostro e tendiamo a considerare più onesti e sinceri i volti che somigliano alla faccia “tipica” dell’area in cui viviamo.

Sommario
La tua Faccia Parla di Te
Titolo Articolo
La tua Faccia Parla di Te
Descrizione
La scienza è riuscita a spiegare quali sono alcuni degli stereotipi associati ai lineamenti del viso di ognuno di noi così da offrire uno strumento e delle ipotesi su cosa possa comunicare una nostra espressione.
Autore
Nome Autore
ConsigliDalWeb
Logo Autore