Bonus Luce e Gas 2017: Requisiti per richiederlo e Quanto si Risparmia

Contiene il Modulo per la Richiesta di Ammissione o Rinnovo e altri Moduli specifici

 

Cos’è il Bonus Luce e Gas?

I Bonus energia sono sconti sulle bollette di energia elettrica e gas rivolti alle famiglie che versano in condizione di disagio economico e fisico e alle famiglie numerose. In particolare il bonus elettrico è previsto nel caso di disagio economico e in caso di condizioni di salute gravi, mentre il bonus gas è previsto solo per casi di disagio economico.

 

Il BONUS ELETTRICO può essere richiesto da:

  1. tutti i clienti domestici intestatari di un contratto di fornitura elettrica, per la sola abitazione di residenza, appartenenti:
    – ad un nucleo familiare con indicatore ISEE non superiore a € 7.500;
    – ad un nucleo famigliare con più di 3 figli a carico e indicatore ISEE non superiore a € 20.000
  2. tutti i clienti domestici affetti da grave malattia o i clienti domestici con fornitura elettrica presso i quali viva un soggetto affetto da grave malattia, costretto ad utilizzare apparecchiature elettromedicali necessarie per il mantenimento in vita.

 

Quanto vale il Bonus elettrico nel caso di Disagio economico? Il suo valore dipende dal numero di componenti della famiglia anagrafica ed è aggiornato ogni anno dall’Autorità per l’energia elettrica il gas e il sistema idrico.

Valore del Bonus elettrico - Disagio economico
Valore del Bonus elettrico – Disagio economico

 

Quanto vale invece il Bonus elettrico nel caso di Disagio fisico? Il valore del bonus in questo caso è articolato in 3 livelli che dipendono da: potenza contrattuale, apparecchiature elettromedicali salvavita utilizzate e tempo giornaliero di utilizzo.

Valore del Bonus elettrico - Disagio fisico
Valore del Bonus elettrico – Disagio fisico

 

Il BONUS GAS invece può essere richiesto da:

  1.  tutti i clienti domestici intestatari di un contratto di fornitura di gas naturale, per la sola abitazione di residenza, appartenenti:
    – ad un nucleo familiare con indicatore ISEE non superiore a 7.500 euro;
    – ad un nucleo familiare con più di 3 figli a carico e indicatore ISEE non superiore a 20.000 euro;
    – con misuratore gas di classe non superiore a G6 (la classe del misuratore è collegata alla quantità di gas che può essere trasportata in un punto di fornitura e distingue le utenze domestiche da quelle di tipo industriale o commerciale. Questo parametro viene verificato dal distributore).

 

Quanto vale il Bonus gas per Disagio economico? Gli importi dipendono dalla categoria d’uso associata alla fornitura di gas, dalla zona climatica di appartenenza del punto di fornitura e dal numero di componenti della famiglia anagrafica (persone legate da vincoli di matrimonio, parentela, affinità, adozione, tutela o da vincoli affettivi, coabitanti ed aventi la medesima residenza).

Valore Bonus Gas - Disagio economico
Valore Bonus Gas – Disagio economico

 

Come richiedere il BONUS ELETTRICO E/O GAS per Disagio economico

La domanda va presentata presso il Comune di residenza, CAF o Comunità montane utilizzando gli appositi moduli, disponibili sul sito dell’Autorità, sul sito di SGAte e presso i Comuni.
Scarica i  MODULI.

Quali documenti occorre presentare?

  1. Documento di identità
  2. Allegato D di delega, se la domanda è presentata da un delegato e non dall’intestatario della fornitura
  3. Modulo A compilato. Anche se si richiede un solo bonus è sufficiente compilare i riquadri relativi alla sola fornitura (elettrica o gas) per la quale si sta facendo la domanda di agevolazione
  4. Attestazione ISEE in corso di validità
  5. Allegato CF con i componenti del nucleo ISEE
  6. L’allegato FN per il riconoscimento di famiglia numerosa, se l’ISEE è superiore a 7.500 euro (ma entro i 20.000)
  7. Autocertificazione dell’utilizzo del gas naturale (per il bonus gas).

* E’ inoltre necessario avere a disposizione alcune informazioni reperibili in bolletta o nel contratto di fornitura.

 

Nel caso dell’energia elettrica serve avere anche i seguenti dati:

  1. Codice POD (identificativo del punto di consegna dell’energia). E’ un codice composto da lettere e numeri, che inizia con IT che identifica in modo certo il punto fisico in cui l’energia viene consegnata dal fornitore e prelevata dal cliente finale. Il codice non cambia anche se si cambia fornitore.
  2. La potenza impegnata o disponibile della fornitura.

 

Nel caso del gas invece occorre avere:

  1. Codice PDR (identificativo del punto di consegna del gas). E’ un codice composto da 14 numeri che identifica il punto fisico in cui il gas naturale viene consegnato dal fornitore e prelevato dal cliente finale. Il codice non cambia anche se si cambia fornitore.

 

Come richiedere il BONUS ELETTRICO E/O GAS per Disagio fisico

La domanda va consegnata presso il Comune di residenza del titolare della fornitura elettrica (anche se diverso dal malato) utilizzando gli appositi moduli o presso CAF, Comunità montane.

Il cliente deve avere con se:

  1. Un certificato ASL che attesti:
    – la situazione di grave condizione di salute;
    – la necessità di utilizzare le apparecchiature elettromedicali per supporto vitale;
    – il tipo di apparecchiatura utilizzata e le ore di utilizzo giornaliero;
    – l’indirizzo presso il quale l’apparecchiatura è installata;
  2. Il documento di identità e il codice fiscale del richiedente e del malato se diverso dal richiedente;
  3. Il modulo B compilato.

E’ inoltre necessario avere a disposizione alcune informazioni reperibili in bolletta o nel contratto di fornitura quali:

  1. Codice POD (identificativo del punto di consegna dell’energia). Il codice POD, è un codice composto da lettere e numeri, che inizia con IT e identifica in modo certo il punto fisico in cui l’energia viene consegnata dal fornitore e prelevata dal cliente finale. Il codice non cambia anche se si cambia fornitore;
  2. La potenza impegnata o disponibile della fornitura.
    Per la richiesta del bonus, non è possibile utilizzare altre forme di certificazione delle situazioni invalidanti, quali ad esempio i certificati di invalidità civile.
    Per ottenere il bonus per gravi condizioni di salute non è richiesta la presentazione dell’ISEE. Il bonus per queste situazioni viene concesso indipendentemente dalla fascia di reddito del richiedente.Anche in questo caso è possibile delegare un’altra persona per presentare la domanda, compilando l’apposito modulo Allegato D per le deleghe.

 

Come viene erogato il BONUS ELETTRICO

L’importo del bonus viene scontato, suddiviso nelle diverse bollette corrispondenti ai consumi dei 12 mesi successivi alla presentazione della domanda, direttamente sulla bolletta elettrica all’interno della quale viene opportunamente comunicato sotto la voce “totale servizi di rete – quota fissa”.

Per verificare lo stato della propria richiesta di bonus è possibile:

  • Recarsi presso l’Ente dove è stata presentata la richiesta (il Comune di residenza, il CAF, la Comunità Montana) con la ricevuta rilasciata alla consegna della domanda
  • Chiamare il numero verde 800.166.654 fornendo il codice fiscale o il numero identificativo della richiesta
  • Visitare il sito www.bonusenergia.anci.it, nella sezione riservata “Controlla on line la tua pratica” cui si accede con il proprio codice fiscale e le credenziali di accesso.
    Le credenziali (User ID e password) vengono rilasciate dal Comune o dal CAF presso cui si è presentata la richiesta per il bonus.

Come viene erogato il BONUS GAS

L’erogazione del Bonus Gas avviene con modalità differenti a seconda se la richiesta riguardi un impianto individuale (cliente diretto) o un impianto centralizzato (cliente indiretto).

  • Per i clienti diretti l’erogazione avviene attraverso la bolletta del gas. Non avviene in un’unica soluzione ma l’ammontare annuo è suddiviso nelle diverse bollette corrispondenti ai consumi dei 12 mesi successivi alla presentazione dell’istanza. Ogni bolletta riporterà una parte del bonus proporzionale al periodo cui la bolletta medesima fa riferimento.
  • Per i clienti indiretti l’erogazione avviene attraverso l’emissione di un bonifico domiciliato erogato in un’unica soluzione. Il bonifico domiciliato è un sistema di pagamento per cui il titolare del bonus, a seguito dell’accettazione della domanda di bonus, recandosi presso un ufficio postale con il documento di identità e il codice fiscale ritira la somma di denaro cui ha diritto.

 


Vuoi scaricare i Moduli ed avere tutte le Informazioni utili per presentare la Richiesta del Bonus? I Moduli disponibili sono i seguenti. Scarica tutto l’elenco dei moduli.

Bonus Luce e Gas - Modulo A - Domanda nuova o Rinnovo
Bonus Luce e Gas – Modulo A – Domanda nuova o Rinnovo

 

Bonus Luce e Gas - Modulo A - Domanda nuova o Rinnovo - Note per la Compilazione
Bonus Luce e Gas – Modulo A – Domanda nuova o Rinnovo – Note per la Compilazione

 

Bonus Luce e Gas - Modulo B - Disagio fisico
Bonus Luce e Gas – Modulo B – Disagio fisico

 

Bonus Luce e Gas - Modulo B - Disagio fisico - Note per la Compilazione
Bonus Luce e Gas – Modulo B – Disagio fisico – Note per la Compilazione

 

Certificazione Utilizzo Apparecchiature medico-terapeutiche
Certificazione Utilizzo Apparecchiature medico-terapeutiche

 

Dichiarazione sostitutiva di Atto di Notorietà Riconoscimento Famiglia numerosa
Dichiarazione sostitutiva di Atto di Notorietà Riconoscimento Famiglia numerosa

 

Bonus Luce e Gas - Domanda Rinnovo semplificato
Bonus Luce e Gas – Domanda Rinnovo semplificato

 

Bonus Luce e Gas - Modulo B - Disagio fisico
Bonus Luce e Gas – Modulo B – Disagio fisico

 

Bonus Luce e Gas - Domanda Riemissione Bonifico domiciliato
Bonus Luce e Gas – Domanda Riemissione Bonifico domiciliato

Scarica il file Pdf che contiene le Informazioni utili per presentare la Richiesta di Bonus Luce e Gas per l’anno 2017 e i Moduli che hai visto sopra.

 

Riferimenti esterni utili

Sul sito Bonus Energia puoi trovare un comodo Pannello di Ricerca per trovare lo Sportello dove presentare la Richiesta di Agevolazione. Guarda questo esempio per la città di Salerno:

Cerca uno Sportello nel tuo Comune di Residenza

Sportello per Richiesta di Agevolazione del Bonus Luce e Gas 2017
Sportello per Richiesta di Agevolazione del Bonus Luce e Gas 2017

 

Vuoi verificare se nel tuo Comune di Residenza esiste uno Sportello dove presentare domanda?

Cerca uno Sportello nel tuo Comune di Residenza

 

DOMANDE FREQUENTI FATTE DAGLI UTENTI (fonte: Il Portale Bonus Energia)

  1. Esiste una scadenza oltre la quale non sarà più possibile presentare domanda di Bonus Energia?
    Non esiste una scadenza per fare domanda di Bonus Sociale per l’energia elettrica. Questa può infatti essere presentata in qualsiasi momento e, quando validata dal distributore dell’energia, dà diritto a fruire dell’agevolazione per i successivi 12 mesi.
  2. Come si ottiene l’attestazione ISEE?
    I Cittadini che vogliono ottenere l’attestazione del valore ISEE devono:- redigere una Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU), sulla base di un modulo facsimile reperibile presso i Comuni, i CAF convenzionati ovvero presso le sedi dell’INPS, contenente informazioni sul proprio nucleo familiare, sui redditi e sul patrimonio di tale nucleo;
    – presentare tale Dichiarazione ai Comuni, ai Centri di Assistenza Fiscale (CAF), oppure alle Sedi ed Agenzie INPS presenti sul territorio.Una volta presentata la dichiarazione, il Cittadino riceverà, da parte dei soggetti che hanno ricevuto la Dichiarazione Sostitutiva (quindi Comuni, CAF e INPS) un’attestazione provvisoria, contenente le informazioni della Dichiarazione Sostitutiva, gli elementi necessari per il calcolo dell’ISEE, nonché l’indicazione del valore ISEE. Tale attestazione è il documento ISEE necessario per il riconoscimento del Bonus.
  3. Ho ricevuto una lettera da Poste Italiane. Come devo interpretarla?
    Come stabilito dalla Delibera ARG/com 113/09, Poste Italiane ha il compito inviare la comunicazione al cittadino per informarlo dell’esito della sua domanda di Bonus Elettrico. Inoltre verrà inviata tramite Poste Italiane anche la missiva per ricordare al cittadino che è arrivato il momento di rinnovare un’agevolazione in scadenza.Per interpretare facilmente la lettera, è sufficiente prestare attenzione all’oggetto:1) Se la domanda è stata accettata, allora l’oggetto è:
    “Ammissione al beneficio della compensazione della spesa sostenuta per la fornitura di energia elettrica”.2) Se la domanda non è stata accettata, allora l’oggetto è:
    “Rifiuto dell’istanza al beneficio della compensazione della spesa sostenuta per la fornitura di energia elettrica”.NB: nel corpo della lettera vengono specificate anche le motivazioni per la quale la domanda non è andata a buon fine.3) Se il Bonus Elettrico è in scadenza e deve essere rinnovato, allora l’oggetto è:
    “Gentile Utente, desideriamo comunicarLe che il Suo bonus elettrico è in scadenza”.

 

Sempre sul Portale Bonus Energia trovi tutte le risposte alle domande più frequenti sul Bonus Sociale per l’energia elettrica.
Leggi le risposte sul Portale Bonus Energia

  1. Che cos’è il “Bonus Sociale”?
  2. Quando è diventato operativo il Bonus Sociale?
  3. Chi ha diritto al Bonus Sociale?Quanti Bonus si possono richiedere per ogni nucleo familiare?
  4. A quanto ammonta il Bonus Sociale per l’energia elettrica?
  5. Esiste un Bonus analogo anche per le forniture di gas naturale?
  6. Dove si presenta la domanda per il riconoscimento del Bonus Sociale?
  7. Dove sono reperibili i moduli per richiedere il Bonus Sociale?
  8. Quali documenti serviranno per richiedere il Bonus Sociale?
  9. Come si ottiene l’attestazione ISEE?
  10. Cosa accade se cambiano le condizioni grazie alle quali è stato riconosciuto il Bonus Sociale?
  11. E’ necessario essere un cliente del servizio di maggior tutela per ottenere il Bonus Sociale?
  12. Se si cambia il contratto di fornitura accettando una nuova offerta, cosa accade?
  13. Il Bonus Sociale è per sempre o andrà rinnovato?
  14. Quando viene applicato il Bonus Sociale?
  15. Nel dettaglio, come viene erogato il Bonus Sociale retroattivo per il 2008?
  16. Che cos’è il PESSE?
  17. Come faccio a sapere se la mia domanda di Bonus Sociale è stata approvata o meno?
  18. Come viene erogato il Bonus Sociale?
  19. Quali sono e cosa significano gli “stati” che possono contraddistinguere una domanda di
  20. Bonus Sociale?
  21. Esiste una scadenza oltre la quale non sarà più possibile presentare domanda di Bonus Energia?
  22. Fino a quando è possibile presentare domanda per ottenere il Bonus Energia retroattivo a tutto il 2008?
  23. Ho ricevuto una lettera da Poste Italiane. Come devo interpretarla?
  24. Come il cittadino potrà riscontrare l’avvenuta corresponsione del Bonus?
  25. Cosa fare in caso di cessato uso dei macchinari elettromedicali salvavita?
  26. Ho perso le credenziali per accedere a SGAte e verificare lo stato della mia domanda. E’ possibile ottenerne di nuove?

Non Perdere Questa Offerta per Te

Blocchi per 2 anni una quota della tua spesa per luce e gas e se scegli di pagare con addebito diretto in conto corrente, avrai uno Sconto Domiciliazione del 5% sui Corrispettivi Luce e Gas.

Puoi aderire all’offerta Fixa fino al 12/04/2017

 

Dettagli Offerta Eni Fixa

Clicca sull’immagine QUI SOTTO per Scoprire Tutti i Vantaggi di questa Offerta, Leggere i Dettagli dell’Offerta e le Risposte alle Domande più frequenti poste dagli Utenti stessi.

 

* Se hai trovato utile questo Articolo (oppure hai amici che hanno una famiglia numerosa o vivono un disagio economico o fisico) condividilo con i tuoi Amici.

Sommario
Bonus Luce e Gas 2017: Requisiti per richiederlo e Quanto si Risparmia
Titolo Articolo
Bonus Luce e Gas 2017: Requisiti per richiederlo e Quanto si Risparmia
Descrizione
I Bonus energia sono sconti sulle bollette di energia elettrica e gas rivolti alle famiglie che versano in condizione di disagio economico e fisico e alle famiglie numerose. In particolare il bonus elettrico è previsto nel caso di disagio economico e in caso di condizioni di salute gravi, mentre il bonus gas è previsto solo per casi di disagio economico.
Autore
Nome Autore
ConsigliDalWeb